Chi saranno i turisti del futuro?

La distribuzione del reddito in Cina assume sempre più la forma di “un’oliva” in cui la classe media cresce rapidamente mentre il numero di indigenti diminuisce. L’aumento percentuale del segmento superiore rappresenta un potenziale nuovo target per gli operatori del settore travel. La popolazione in questa fascia, infatti, subirà una trasformazione dei propri bisogni e desideri, affacciandosi per la prima volta all’esperienza di viaggio, prima in patria e poi all’estero.

Alcuni dati relativi al rilascio passaporti confermano l‘aumentato desiderio di viaggio:

  • La percentuale della popolazione in possesso di un passaporto è passata dal 4 al 13% tra il 2015 e il 2019

  • Attualmente, più di 200 milioni di cittadini cinesi possiedono un passaporto valido.

Tra le misure ad hoc pensate per facilitare l’ottenimento del documento:

  • Possibilità di richiedere il passaporto presso l’ufficio immigrazione di qualunque località cinese, senza dover tornare nella località di registrazione del proprio Hukou

  • Diminuzione del 25% del costo del documento, che, ad oggi, richiede l’esborso di 120 RMB

Dal punto di vista demografico, chi sono i membri di questa classe media? Chi saranno quindi i turisti del futuro? Lo scopriremo la prossima settimana, attraverso un nuovo grafico.