WeChat: il primo passo verso la Cina

La Cina, con una popolazione di 1.4 miliardi, e un PIL in crescita del 6.5% nell’ultimo trimestre del 2020, è tra le poche nazioni con un PIL positivo post-pandemia. Il suo mercato, ampio e diversificato, rappresenta un’opportunità di sviluppo indiscussa per molte aziende italiane.

WeChat: lo strumento di accesso al mercato cinese

 

Le aziende italiane, come possono aprirsi al mercato cinese?

Anzitutto è necessario evitare di cadere in errori burocratici, culturali, oppure di approccio verso gli ecosistemi digitali, che potrebbero trasformare lo sviluppo imprenditoriale sul mercato cinese da opportunità ad occasione persa. Riguardo questi temi, sui quali ti sarai già interrogato, è necessario fornire una risposta trasparente, in grado di chiarire i tuoi primi e fondamentali dubbi.

Per prima cosa, una prospettiva di moltiplicazione delle vendite in breve tempo non è realistica e crea, al contrario, false aspettative per chi vuole costruire un percorso solido e remunerativo verso il mercato cinese. Operare su questo mercato richiede l’uso di diversi strumenti, digitali e non, a seconda dello stato di avanzamento delle tue operazioni in Cina, per cui una strategia fatta di piccoli passi e monitoraggio costante permette di comprendere quale siano le direttrici di sviluppo più consone alle esigenze aziendali.

La necessità di avere a disposizione uno strumento digitale è evidente in questo momento storico, in cui le limitazioni agli spostamenti non consentono di incontrare di persona partner e clienti. I dati dimostrano che l’economia digitale ha contribuito per il 36.2% al PIL nazionale cinese, gli utenti Internet in Cina sono stati circa 940 milioni, di cui il 99% ha navigato sul web tramite mobile.  L’ecosistema digitale a disposizione dell’utente cinese presenta importanti differenze rispetto a quello che permea la nostra quotidianità. Impossibilitati ad utilizzare Facebook, Twitter, Google, YouTube e altre app, gli utenti si affidano ad altre piattaforme, sia social, sia di informazione, sia di vendita. Questa infrastruttura digitale, che ha permesso alla Cina di affrontare in maniera più agile l’emergenza, ha un player chiave: WeChat.

Sai cos’è WeChat?

WeChat è un’applicazione usata dagli utenti cinesi per leggere informazioni, scambiare messaggi con amici, comprare prodotti e pagare attraverso WeChat Pay. Per i cinesi, WeChat è la finestra sul mondo e per essere presenti in Cina, bisogna essere anzitutto presenti su WeChat.

Lanciata nel 2011 da Tencent, colosso della tecnologia cinese, gli utenti di WeChat sono 1.2 miliardi e in media passano 68.15 minuti al giorno sulla piattaforma.

 

Perché dovrei scegliere proprio WeChat per un primo approccio al mercato cinese?

Dopo aver registrato il tuo marchio in Cina, passo indispensabile per evitare brutte sorprese, WeChat consente, anche alle aziende con sede fuori dalla Cina continentale, di aprire una vetrina digitale (Account Service verificato) per arrivare agevolmente agli utenti cinesi. L’Account, di proprietà della casa madre, è un’ottima opportunità per presentare il marchio, l’azienda e i prodotti. La presenza su WeChat offre chiari vantaggi:

  • permette ad aziende che vogliono muoversi nell’ambito B2B di stabilire un punto di contatto con il mercato cinese, offrendo ai partner da individuare (per esempio importatori e distributori) la possibilità di comunicare direttamente con la casa madre presentando, in lingua cinese, tutte le informazioni sull’azienda.
  • permette alle aziende che desiderano arrivare al mercato B2C, di aprire una vetrina digitale, di creare un legame con i propri follower, di coinvolgere Influencer cinesi e, attraverso i Miniprogram (app nell’ecosistema WeChat) vendere direttamente i propri prodotti al consumatore finale cinese.

 

Funziona vendere prodotti in Cina attraverso WeChat?

Il tasso di conversione delle piattaforme di social e-commerce, come WeChat, è 5 volte superiore a quello di e-commerce tradizionale e si attesta tra il 6% ed il 10%. Il segreto? WeChat permette di condividere con la propria rete di amici il prodotto verso il quale si nutre interesse, con il potere di rendere un contenuto virale.  Per comprendere a pieno l’impatto di WeChat sul dipartimento sales, si pensi che, secondo Bain & Company, nel 2018, i 40 brand con fatturato più alto del loro business in Cina, tra cui Hermès, Estée Lauder e Givenchy,  hanno speso tra il 40 e il 70% del proprio budget marketing su WeChat.

Per entrambi i canali di vendita, sia B2B, sia B2C, sarà indispensabile gestire il canale WeChat in maniera efficiente, aggiornandolo con la pubblicazione, a cadenza regolare, di contenuti testuali, visivi, audiovisivi, redatti rigorosamente in lingua cinese e adattati alla sensibilità culturale locale. 

 

WeChat sarà la soluzione definitiva per costruire un caso di successo in Cina?

WeChat sarà un termometro per la vostra possibilità di successo, non l’unico elemento ma sicuramente il primo. Il tuo spazio WeChat ti permetterà di avere uno strumento per cominciare ad intessere le relazioni con i tuoi interlocutori, monitorare i follower dell’account aziendale, accumulare dati sulle caratteristiche demografiche e le abitudini di navigazione degli utenti. Forti di una presenza WeChat, potrai procedere con molta più facilità con la ricerca di un distributore o importatore, oppure creare una nuova vetrina digitale su altre piattaforme specifiche all’ecosistema cinese, quali, per esempio Tmall e Jd.com, oppure optare per la vendita diretta attraverso Miniprogram WeChat. Durante questi e altri processi burocratici o operativi, come la registrazione del marchio e la gestione logistica, sarà fondamentale il supporto di un team di professionisti, italiani e cinesi, che possano comprendere le esigenze dell’interlocutore italiano e sviluppare, su di esse, una strategia progettuale chiara, efficace e monitorabile.

Italian Lifestyle, partner per l’Italia del progetto europeo International Urban Cooperation (IUC) , è a disposizione di aziende che, rappresentando l’eccellenza del Made in Italy, desiderano approcciarsi al mercato cinese. Il nostro team cross-culturale (italiano e cinese) è in grado di cogliere le dinamiche d’impatto verso gli utenti cinesi, in primis attraverso l’accuratezza dei contenuti e nella capacità di offrire una localizzazione linguistica adeguata alle esigenze specifiche.

Italian Lifestyle è unico operatore nella gestione della piattaforma Vento d’Italia, dedicata al turismo cinese, che ha visto la partecipazione di oltre 100 soggetti pubblici e privati sul territorio nazionale, generando già oltre un milione di interazioni social e gestendo il customer care per circa 200.000 utenti cinesi interessati al turismo in Italia e al Made in Italy. Siamo pronti per mettere questa expertise al servizio della tua azienda, rispondendo alle tue domande e disegnando una strategia personalizzata, per sviluppare, #insieme, la tua presenza in Cina.

Se desideri un primo confronto con i nostri professionisti prenota una call, completando questo form.