Passione parchi naturali: un nuovo trend dal turismo cinese

I parchi naturali sono una delle più popolari destinazioni per il turismo domestico in Cina, rappresentandone la meta nel 30% dei viaggi.

Destinazioni outdoor in crescita per i turisti cinesi

Il ricco patrimonio naturalistico in Cina, conta 897 parchi naturali nazionali, di cui un terzo aperti gratuitamente al pubblico. Durante la prima metà del 2019, i parchi naturali hanno ospitato oltre 900 milioni di turisti (sia cinesi sia stranieri), con un incremento del 14% rispetto all’anno precedente. Nello stesso periodo, il turismo di tipo naturalistico ha prodotto in Cina un fatturato totale di 850 miliardi di Yuan (109 miliardi di euro), evidenziando una crescita del 13% YOY.

Un esempio di parco naturale situato in Cina, noto a livello internazionale e capace di attrarre più di 4 milioni di visitatori all’anno è lo Zhangjiajie National Forest Park, che, nel 1982, fu il primo centro ad essere stato riconosciuto come parco forestale nazionale.

Diventati popolari soprattutto negli ultimi anni, i viaggi verso mete di carattere naturalistico, offrono ai turisti la possibilità di stare all’aria aperta e di svolgere attività outdoor, oltre che essere il luogo ideale per rilassarsi a contatto con la natura.

Cosa succederà nel periodo di ripresa post-Covid?

Nel 2020 McKinsey individuava nelle attrazioni outdoor le destinazioni principali del turismo del futuro in partenza dalla Cina. I cinesi sono inoltre interessati alla scoperta di contesti naturali totalmente differenti dai loro, come potrebbero essere quelli europei. Questo tipo di vacanza intercetta anche il desiderio di riconnettersi con la natura di chi proviene dai contesti urbani, interessato a ritrovare benessere fisico e mentale.

Un’opportunità per le mete outbound, soprattutto nel periodo successivo all’emergenza Covid-19, quando i siti con ampi spazi aperti saranno privilegiati rispetto ai luoghi turistici più affollati.Nel 2020, in seguito alla pandemia, il mercato domestico cinese indicava le attività outdoor come nuovo trend in crescita ; un elemento che consolida la propensione dei turisti cinesi verso il turismo naturalistico, di cui il 45% dei cinesi si dichiara appassionato, maggiore rispetto a quella di viaggiatori provenienti da altri paesi.

Parchi naturali attraggono turisti cinesi

Quali mete sfruttano il potenziale del loro ambiente naturale?

L’attrazione turistica dei luoghi naturali è parte del grande successo delle mete del sud est Europa, che hanno visto negli ultimi anni il più alto tasso di crescita nel mondo per arrivi dei turisti provenienti dalla Cina.  Croazia e Slovenia propongono delle esperienze diverse dalla maggior parte delle destinazioni europee, puntando sulle attività outdoor e la scoperta dei parchi e siti naturalistici come le Alpi Giulie in Slovenia o il Parco nazionale dei laghi di Plitvice in Croazia.

In Canada, che il 51% dei turisti cinesi decide di visitare perché affascinati dai suoi paesaggi naturali, il Banff National Park ha registrato un incremento del numero di visitatori cinesi del 25-30% ogni anno dal 2010, con 50000 visite nel 2016. Questa crescita è anche il risultato dell’operazione di marketing attraverso i maggiori social media cinesi. Gli account del Banff National Park sulle piattaforme WeChat e Weibo permettono di raggiungere i potenziali turisti cinesi, pubblicando informazioni di viaggio e immagini degli stupendi paesaggi naturali.

L’Europa e l’Italia potrebbero cogliere questa nuova opportunità di sviluppo turistico, puntando a questa nicchia di mercato sempre più in crescita che potrebbe fare la differenza nella fase di ripresa del turismo internazionale successiva all’emergenza sanitaria.